Lorenzin M.

Dietary intake of pesticide residues in Italy: results of 2005 - 2008 study

Rivista : Anno 40/Numero 3
Autori/Authors : Lorenzin M.

Lo studio progettato dal gruppo di lavoro Fitofarmaci delle Agenzie Ambientali (abbreviazione gruppo AAAF) permette: di quantificare i residui di fitofarmaci in un pranzo pronto per essere consumato (comprendente il primo, il contorno, la frutta, il pane ed il vino), di accertare la quantità assunta e di compararla con Acceptable Daily Intake (ADI) and Acute Reference Dose (ARfD). I dati forniti da 17 Laboratori evidenziano una media di 3,4 residui per pranzo ed un massimo di 13 residui. I fitofarmaci rilevati con maggior frequenza sono: pirimiphos-methyl (93 volte), procymidone (70), cyprodinil (42), chlorpyrifos (36), iprodione (36), metalaxyl (36) and pyrimethanil (26). È stata studiata la distribuzione dei residui di fitofarmaci nelle diverse portate del pranzo ed i risultati del periodo 2005-2008, calcolati come valore medio, valutano che il 51.7 % dei residui è presente nella frutta, 27.4 % nel vino, 8.7 % nel contorno, 7.6 % nel primo piatto e 4.5 % nel pane. L’assunzione giornaliera di residui di fitofarmaci è stata confrontata con i valori di ADI. Nel caso di un adulto, l’assunzione giornaliera media comparata al valore ADI è pari al 3.5 %, per un ragazzo il 6.2 % e per un bambino il 12.5 %. La quantità di residuidi fitofarmaci presenti in un pranzo è stata confrontata con i valori di ARfD. Il valore massimo riscontrato per un bambino di 20 kg, è pari a 88 % nel 2005, 43% nel 2006, 17% nel 2007 e 21% nel 2008.



This study, promoted by the Environmental Agencies’ Pesticides Working Group (abbreviated to gruppo AAAF in Italian), seeks to assess the quantity of pesticide residues in pre-prepared (ready-to-eat) meals (comprising a first course, side dish, fruit, bread and wine), to quantify the amounts consumed and allow comparison with Acceptable Daily Intake (ADI) and Acute Reference Dose (ARfD). The data provided by 17 laboratories showed an average number of 3.4 pesticides in each meal and a maximum of 13 pesticides. The most frequently found substances were: pirimiphos-methyl (93 times), procymidone (70), cyprodinil (42), chlorpyrifos (36), iprodione (36), metalaxyl (36) and pyrimethanil (26). The distribution of residues in each dish making up the meal was also examined, and the results showed that on average in the period 2005-2008: 51.7 % of residues were present in fruit, 27.4 % in wine, 8.7 % in the side dish, 7.6 % in the main course and 4.5 % in bread. The daily intake of pesticide residues was calculated and compared with the ADI values. In the case of adults, in 2005-2008 the average
daily intake of pesticides in relation to ADI was 3.5 %; for teenagers it was 6.2 % and for children it was 12.5 %. The quantity of pesticide residues present in the meal was calculated and compared with the ARfD values.
The maximum levels observed were 88% in 2005, 43% in 2006, 17% in 2007 and 21% in 2008 for a child weighing 20 kg.

Back to top