Palese A.M.

Olivicoltura sostenibile e gestione del suolo

Rivista : Anno 42/Numero 1

Riassunto
Si riportano i risultati di una ricerca volta a valutare gli effetti di due diverse modalità di gestione dell’oliveto, finalizzate alla conservazione o al reintegro della sostanza organica (s.o.) nel terreno. La prima basata sull’adozione di tecniche conservative alternative alle lavorazioni: un sistema di gestione sostenibile (inerbimento spontaneo, trinciatura del materiale di potatura, mulching) a confronto con quello convenzionale (lavorazioni superficiali, allontanamento del materiale di potatura). La seconda volta a valutare gli effetti di differenti apporti di s.o. proveniente da sottoprodotti della filiera olivicola: acque di vegetazione (AV) e due dosi diverse di compost da sansa olearia (CS1) (CS2). CS1 ha fornito i migliori risultati in termini di capacità di accumulo e di umificazione del Corganico apportato. Nel sistema sostenibile si è osservato un aumento di C organico totale (TOC) nello strato superficiale (0-10 cm); la macroporosità, seppure non elevata, è omogeneamente distribuita lungo il profilo. Al contrario, in quello convenzionale le lavorazioni hanno provocato una generale diminuzione del tenore di s.o. e la formazione di uno strato compatto a circa 10 cm di profondità; ciò, unitamente alla formazione di croste superficiali, ha contribuito all’innesco di processi di erosione incanalata e conseguenze negative sulla formazione della riserva idrica.

Abstract
Trials were carried out to evaluate the effect of different management techniques for maintaining or restoring soil organic matter. Conventional System vs. Sustainable System, and different olive oil industry wastes used as fertilizers were tested. Compost from olive husk increased TOC and humic C content. In the Sustainable System soil organic matter content increased, macroporosity was homogeneously distributed along the profile. This favoured the vertical water movement down to the deeper horizons so increasing soil water storage and avoiding water erosion.

Back to top