LCA/LCA

LCA Alimentazione: stima del consumo energetico per la produzione, il trasporto e la preparazione del cibo in Italia

Rivista : Anno 38/Numero 4
Autori/Authors : Sanfilippo S. Ruggeri B.

Il presente studio si pone l’obiettivo di valutare l’impatto energetico del settore alimentare
rispetto ai consumi di energia primaria in Italia. È stato effettuato un lungo lavoro di ricerca
dei dati, primari e secondari, relativi alla fase di produzione degli alimenti in un’ottica from cradle
to gate. La metodologia utilizzata per una valutazione oggettiva dei carichi energetici e ambientali
è l’Analisi del Ciclo di Vita (LCA). I risultati proposti sono relativi non solo all’impatto energetico
(GER), ma anche ambientale: effetto serra, eutrofizzazione e consumi idrici sono i parametri su cui
si è deciso di lavorare. Sono quindi stati considerati tre menù giornalieri appartenenti alla dieta
mediterranea, tra loro differenti per l’apporto calorico: 1.700 kcal, 2.100 kcal e 2.600 kcal. La valutazione
dei consumi energetici complessivi dell’alimentazione è stata fatta tenendo conto delle
fasi di produzione, trasporto e preparazione dei cibi. I risultati ottenuti mostrano che il settore alimentazione
incide tra il 15% e il 18% sul consumo globale nazionale di energia primaria. È pertanto
importante riporre una maggiore attenzione a un settore i cui effetti ambientali sono spesso sottovalutati,
come quello alimentare. Si noti inoltre che il presente studio non tiene conto degli impatti
energetici delle fasi di conservazione e fine vita, cioè lo smaltimento dei rifiuti alimentari
lungo tutta la catena; dunque le percentuali individuate sono sicuramente sottostimate rispetto allo
stato reale.



The present study aims to evaluate the energy impact of the food sector on consumption
of primary energy in Italy. A deep research about data was made, both primary and secondary information
of the production phase of food from cradle to gate were used to perform the analysis.
The methodology used for an objective assessment of energy and environmental impacts is the Life
Cycle Assessment (LCA). The proposed results are not only related to energy impact (GER), but
also to environment impact: global worming, eutrophication and water consumptions are the parameters
on which it was decided to work. Three daily menus belonging to the Mediterranean diet
were then taken into consideration, differing each other in caloric intake: 1,700 kcal, 2,100 kcal
and 2,600 kcal. In order to assess the overall energy consumption of food, stages of production,
transportation and cooking foods were considered. The results show that the food sector affects
between 15% and 18% of the total national primary energy consumption: it is therefore important
2 La Rivista di Scienza dell’Alimentazione, numero 4, ottobre-dicembre 2009, anno 38
to pay more attention on a sector whose environmental effects are often underestimated, as food.
Also note that this study does not take into account the impacts due to the energy consumption
during the phases of conservation and end of life, so the percentages identified are certainly underestimated
as compared to the actual state.

Rilevanza degli indicatori ambientali per la promozione della pesca sostenibile.

Rivista : Anno 37/Numero 3
Autori/Authors : Lacourt I. Corréard B.

La pesca sostenibile è uno tra gli elementi chiave per risolvere il problema della sicurezza alimentare a scala mondiale. Nei paesi occidentali, questo alimento può introdurre nella dieta alimentare interessanti caratteristiche nutrizionali. Le diverse cause dell’impoverimento degli stock ittici, in gran parte riconducibili ad una gestione non lungimirante della pesca, sono esaminate attraverso un’analisi bibliografica, insieme alla valutazione dei principali impatti ambientali in ottica di ciclo di vita (Life Cycle Assessment). Tra tutte le fasi del ciclo di vita, la cattura in mare è quella che genera gli impatti ambientali maggiori, sia in termini di modificazione degli ecosistemi, sia in termini di emissioni di gas serra collegate ad un alto consumo energetico. Ne emerge che il rispetto delle regolamentazioni esistenti, l’adozione di tecniche di pesca passiva, più selettiva che determina la scelta di certe attrezzature, la dimensione delle imbarcazioni sono degli elementi che influiscono in modo determinante sull’eco-efficienza della pesca. Tra vari indicatori, i consumi energetici possono essere un criterio molto utile per valutare la sostenibilità di questa attività produttiva in un contesto di cambiamento climatico e di riduzione delle risorse naturali. Anche l’organizzazione della logistica deve essere valutata accuratamente, non soltanto con la misura delle distanze percorse ma piuttosto con la valutazione dell’eco-efficienza del trasporto, che include la densità del carico e il consumo energetico del mezzo utilizzato. Si evidenza anche la necessità di migliorare l’asseto normativo a livello internazionale per rinforzare la tutela delle risorse naturali marine e il ruolo preponderante che può assumere l’Unione Europea, diventata oggi il primo mercato per i prodotti ittici dopo l’allargamento a 27 stati membri.
 



The sustainable fishery is one of the key elements to solve food security problem at worldwide level. In occidental countries, seafood can improve diet with valuable nutritional features. The different causes of fish stocks impoverishment in the sea, (due for a great extent to non-farsighted fishery management), and the evaluation of main environmental impacts according to Life Cycle Assessment are discussed here through a bibliographic analysis. Among all Life cycle steps, fish capture produces the deepest environmental impacts such as ecosystem degradation and greenhouse gas emissions related to high fuel consumption. Several elements may have a strong effect on fishery eco-efficiency: the respect of existing rules and laws, the use of passive fishing techniques, more selective, the choice of fishing nets or other equipment for fish capture or the dimension of boats. Fuel consumption can be a very useful parameter, among all indicators to evaluate the sustainability of this productive activity in the actual context of climate change and reduction of natural resources. Logistics also has to be accurately evaluated, not only by measuring distances but calculating real transport eco-efficiency, that includes load density and fuel consumption of the various means of transport. It is also reported the necessity to improve the set of regulations to reinforce the protection of sea natural resources and the important role that can be assumed by 27-members European Union  that has recently become the largest seafood market.

 

Back to top