migrazione/migration | FOSAN

migrazione/migration

Carte e cartoni per alimenti tra presente e futuro: evoluzione della normativa ed aspetti analitici

Rivista : Anno 37/Numero 1
Autori/Authors : Boccacci Mariani M.

L’attuale legislazione europea sulle carte e i cartoni, destinati al contatto alimentare, fa riferimento ai principi generali del Regolamento Quadro (CE) 1935/2004 e non prevede, per il momento, una regolamentazione specifica di settore (direttiva). Così mentre alcuni Stati membri posseggono legislazioni nazionali (p.e. Francia, Italia, ecc.) o Raccomandazioni (Germania), gli altri paesi applicano esclusivamente i principi generali del regolamento quadro. Alcuni recenti casi di contaminazione alimentare, dovuti alla presenza di DIPN (diisopropil naftaleni) in carte per alimenti, realizzate con fibre riciclate, o alla presenza di tracce di ITX (Isopropiltioxantone) in latte per l’infanzia, hanno riaperto urgentemente il dibattito sulla sicurezza alimentare lungo le filiere dell’imballaggio per alimenti. Dopo l’inserimento dei sistemi di rintracciabilità nell’industria degli imballaggi, attraverso l’articolo 17 del Regolamento (CE) 1935/2004, la Commissione europea completa le nuove misure legislative con il Regolamento (CE) 2023/2006 sulle Buone Pratiche di Fabbricazione (GMP), che entrerà in vigore dal 1°Agosto 2008. L’articolo discute le prospettive future ed alcuni aspetti di tipo analitico, relativi del settore delle carte e cartoni destinati al contatto con gli alimenti, alla luce dello sviluppo della legislazione europea.



The present regulation on paper and board intended to come into contact with foods is not based on specific harmonised rules but, instead, on general criteria contained in a Framework Regulation (EC) No1935/2004. So, while some Member States own, at national level, a specific legislation (e.g. France, Italy, etc.) or specific Recommendations (Germany) other countries follow the general principles of this Framework Regulation. The recent cases of food contamination due to the presence of DIPN in paper and board made of recycled paper and to the presence of ITX in some samples of baby milk, have urgently suggested again the debate on how to guarantee food safety along the production chains of food contact materials/articles. After the introduction, in 2006, of the traceability (article 17, Regulation (EC) No 1935/2004 in the food contact materials industry, the European Commission completed his new approach approving, in 2006, a new regulation on Good Manufacturing Practice (EC) No 2023/2006, that will enter in force in August 2008. The article discuss future perspectives for food contact paper and board sector and some analytical aspects, in the light of the evolution of EU legislation..


Esposizione ad alluminio da materiali a contatto con alimenti:studi, ricerche e valutazioni sperimentali.

Rivista : Anno 37/Numero 2

L’alluminio e le sue leghe sono largamente impiegate a contatto con alimenti. Una serie di sperimentazioni alla base della recente norma italiana hanno mostrato che l’alluminio migra più facilmente in alimenti acidi e/o salati, con andamento dipendente da tempo e temperatura di contatto. Per prevenire l’esposizione dei consumatori è opportuno raccomandare limitazioni e consigli per l’uso sicuro a contatto con alimenti.



Aluminium and its alloys are widely used in contact with foods. Experimental studies taken into account for the development of the Italian regulation on aluminium demonstrated that aluminium migration is enhanced  in acid and/or salty foods and depends on contact time and temperature. To prevent high exposure of consumers it is suitable to give recommendations and limitations to make it possible the safe use of aluminium materials and objects in contact with foods.

 

SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO

Back to top